Tradizioni di Veroli, gli alunni del Comprensivo 2 ambasciatori in Veneto

La società attuale è fortemente influenzata dallo sviluppo di nuove tecnologie che, nella maggior parte dei casi, sono finalizzate a semplificare e a rendere più fluido ed efficace lo svolgimento di azioni, lavori o mansioni. La Scuola, come specchio della società del domani, ha preso atto di questa evoluzione digitale  adottando il Piano Nazionale per la Scuola Digitale, che si propone di avviare nelle scuole d’Italia un percorso di innovazione e di digitalizzazione,  che ha valenza pluriennale e mira a diffondere le nuove tecnologie e a promuovere l’idea di apprendimento permanente.

L’Istituto Comprensivo “Veroli 2” ha subito promosso diverse proposte formative, nell’ambito del PNSD, per poter  personalizzare l’apprendimento a seconda dei bisogni degli alunni (specialmente quelli con bisogni educativi speciali); per dare la possibilità di effettuare ricerche approfondite e  per poi condividerle in tempo reale; per cercare di combattere la dispersione scolastica, incrementando la motivazione e il coinvolgimento degli studenti; per introdurre strumenti didattici interattivi che possano semplificare la comprensione di certi argomenti.

Negli a.s. 2020/2021 e 2021/2022 è stato iniziato e sviluppato il progetto “Ieri, oggi e domani”  per la realizzazione di azioni di potenziamento delle competenze degli studenti attraverso metodologie didattiche innovative. Il nostro Istituto si è avvalso di una rete di scuole, di cui è stato capofila, costituita dall’ Istituto Comprensivo Puos d’Alpago, in provincia di Belluno e il Colegio de Trofa, in Portogallo.

Sono stati coinvolti gli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria e quelli delle classi seconde della Scuola Secondaria di primo grado, insieme hanno realizzato un e-book sulle tradizioni popolari di Veroli, in particolare sulla sagra delle fragoline di bosco e sulla leggenda della cosiddetta “Femmina morta”, legata ad una vicenda realmente accaduta nel nostro territorio negli anni ’30. Tutto il lavoro è stato tradotto in lingua inglese, francese e spagnolo.

A metà del mese di Maggio c’è stata la parte conclusiva del progetto, che ha visto gli alunni protagonisti di un viaggio d’istruzione nella Scuola Secondaria “Chies d’Alpago” di  Belluno, dove hanno presentato l’e-book prodotto.

La prof.ssa Angela Avarello, Dirigente  Scolastica dell’I.C. Veroli 2, che ha accompagnato i ragazzi (Andrea, Carolina, Gabriele, Tommaso e Veronica, in rappresentanza di tutti i compagni) in questo bellissimo viaggio, ha evidenziato come ciò che ha animato e spinto alla realizzazione dell’e-book sia stata l’idea che da sempre la narrazione è uno dei modi più efficaci per comunicare conoscenza e tramandare culture: le “buone” storie sono infatti ricche di stimoli emotivi e di riferimenti utili per risolvere problemi quotidiani e favorire l’apprendimento.

Gli alunni sono stati protagonisti del proprio processo di apprendimento e hanno potuto mettere a frutto le proprie conoscenze, competenze e creatività per essere utenti consapevoli di ambienti e strumenti digitali; hanno vestito i panni non solo di attori ma anche di produttori, creatori di testi e progettisti.

È stata un’esperienza motivante, coinvolgente ed accattivante: i ragazzi hanno avuto modo di misurarsi con le loro competenze linguistiche e multimediali, sono venuti a contatto con altre realtà scolastiche, hanno condiviso esperienze con coetanei che, pur lontani territorialmente, sono diventati degli amici; sicuramente, un Progetto così apprezzato avrà un seguito nel prossimo anno scolastico e…” non finisce qui” seguite il nostro I.C. Veroli 2″. Lo comunica Istituto Comprensivo Veroli 2.

Potrebbero interessarti anche...