Pieni di gas in Italia ma non si può estrarre, lo vieta il piano del governo Conte

Il mare Adriatico sembra essere una fonte di gas naturale fondamentale per il Paese. Secondo Davide Tabarelli, docente universitario e leader di Nomisma Energia, aumentare la produzione interna potrebbe essere una soluzione ai problemi di approvvigionamento. «Dai Lidi ferraresi alle Marche, si potrebbero rimettere in moto circa 50 piattaforme – ha detto -, pronte a fornire circa 3 miliardi di metri cubi di gas all’anno». Tra questi giacimenti si trova anche “Giulia”, circa a 15 km a largo di Rivazzurra (Rimini). Secondo le stime attraverso l’impianto è possibile estrarre risorse recuperabili pari a 600 milioni di metri cubi di gas. La sua installazione risale al 1980, appartiene ad Eni e attualmente non è in uso, perché l’unica cosa che manca è un tubo che lo colleghi alla terraferma.

A fermare lo sviluppo e la produzione del giacimento “Giulia” ma anche a rallentare l’estrazione nazionale, però, si è posto il Pitesai “Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee”: si tratta di un programma, varato dal primo Governo Conte come strategia alternativa alle trivelle (quindi molto prima dell’emergenza causata dalla guerra) ma approvato lo scorso 12 febbraio, per l’esplorazione e produzione di metano. I limiti che impone il documento ha creato non poche complicazioni: su 123 concessioni minerarie, sono ben 108 quelle legate al gas ma oltre il 70% si trovano in aree definite, appunto, non idonee. Di queste, sono già 20 quelle revocate mentre 45 sono ancora in fase di verifica. Il blocco riguarda anche gli investimenti in nuovi pozzi: 42 titoli esplorativi, su un totale di 45 che sono stati presentati, saranno revocati, così come 37 istanze – che sono state presentate per gas e petrolio tra il 2004 e il 2009 – sono state rigettate in questi giorni dal ministero per Transizione ecologica in conformità con il Pitesai. Proprio il ministro Roberto Cingolani, lo scorso 18 febbraio con l’approvazione del decreto contro il caro-energia aveva annunciato una produzione nazionale di gas fino a 2,2 miliardi in più nel giro di un paio di anni. Ma, secondo le stime, il piano rischia di far spegnere fino a un miliardo di gas all’anno.

Alcuni dei progetti recuperabili si trovano sotto il canale Sicilia, dove sono in corso i lavori per il giacimento “Argo Cassiopea”, sempre di proprietà Eni, per cui ora è prevista un’accelerazione nell’avvio della produzione, così come per altri impianti situati lungo le coste italiane, come “Benedetta”, sempre al largo oltre i 10 km dalla riviera di Rimini, o ad esempio la piattaforma “Bonaccia”, nelle Marche di fronte a Porto Recanati, nel Maceratese, che ha accolto coralli e aragoste diventando un rifugio ambientale. Rispetto a quando il Pitesai è stato emanato, che ha poi richiesto tre anni di gestazione, lo scenario sul piano energetico è molto cambiato e non solo a causa del conflitto in Ucraina, ma anche al forte aumento dei prezzi delle materie prime iniziato ben prima. Un’ipotesi sul tavolo potrebbe essere anche quella di allentare la stretta del dossier con un provvedimento mirato alla sua deroga in modo da non bloccare gli investimenti fatti nel settore, che hanno causato un calo della produzione nazionale di gas naturale. Come ha ricordato lo stesso ministro Cingolani, si è passati «da circa 15 miliardi di metri cubi ai 3,3 attuali».corriere.it

Potrebbero interessarti anche...