Lancia una torta di panna contro la Gioconda, vandalo immediatamente bloccato

La Gioconda di Leonardo da Vinci è stata bersaglio di un atto vandalico: un visitatore del Louvre è riuscito a imbrattare il più famoso capolavoro della storia della pittura con una torta. Il vetro che protegge il quadro ha comunque impedito che la tela venisse danneggiata. Gli addetti alla sorveglianza e la polizia hanno immediatamente bloccato l’autore del gesto, avvenuto sotto gli occhi dei visitatori che in quel momento affollavano le sale del museo parigino. Questi ultimi hanno subito diffuso su twitter e altri social immagini e video dell’accaduto.

Il vandalo si è avvicinato al quadro su una sedia a rotelle, per camuffarsi indossava anche una parrucca e abiti da donna. Nascosta sotto la giacca aveva quella che doveva essere una torta o comunque un dolce con della panna: una volta a poca distanza dalla «Gioconda» l’uomo – di cui non è stata resa nota l’identità – è balzato in piedi e ha lanciato la torta contro il vetro che protegge il dipinto. Il gesto ha l’aria di essere di carattere dimostrativo e non mirava a recare danni all’opera d’arte (fatto che sarebbe stato oggettivamente difficile). Lo squilibrato, prima di essere condotto via dalle guardie, ha sparso sul pavimento della sala alcune rose.

Proprio a causa della sua notorietà e del fatto di essere simbolo universalmente conosciuto, il capolavoro leonardesco è stato più volte bersaglio di attacchi: nel 2009 un visitatore gli lanciò contro una tazza da tè che andò a infrangersi contro la teca di vetro. Negli anni ‘50 in due occasioni la Monna Lisa fu lievemente danneggiata da due attentatori che in diverse occasioni lanciarono verso il quadro dell’acido e un sasso.

L’episodio più clamoroso risale però al 1911 quando un immigrato italiano in Francia, Vincenzo Peruggia, riuscì a rubare la tela nascondendola sotto la giacca e portandola in Italia. Peruggia fi arrestato quando cercò di rivendere la Gioconda a un antiquario di Firenze. corriere.it

Potrebbero interessarti anche...