lunedì , 11 dicembre 2017
Home > Altri comuni > Veroli con l’amaro in bocca, premiato Castiglion Fiorentino
Veroli con l’amaro in bocca, premiato Castiglion Fiorentino

Veroli con l’amaro in bocca, premiato Castiglion Fiorentino

Si è svolta nel pomeriggio di ieri, a Roma, nella biblioteca storica del Senato, la cerimonia 100 mete d’Italia promossa da Riccardo Dell’Anna Editore. Due i comuni della Ciociaria in gara, Veroli e Pontecorvo; nelle loro categorie di appartanenza, Alloro e Agrifoglio, sono stati premiati però il Comune di Castiglion Fiorentino (AR) e il Comune di Roccapalumba (PA). Veroli e Pontecorvo restano con l’amaro in bocca nonostante le loro bellezze artistiche ed agroalimentari. Ai due paesi la soddisfazione di essere tra i 100 scelti da Riccardo Dell’Anna Editore, sicuramente un risultato importante. Presenti il sindaco Simone Cretaro e il sindaco Anselmo Rotondo.

Il Premio Alloro a Castiglion Fiorentino perché si è distinta per la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale. Alla scoperta della città.
Borgo medievale in provincia di Arezzo, si erge sulle pendici di un colle alto circa 345 metri, ed è caratterizzato dalle mura e dalle torri che ancora oggi circondano l’intero centro storico. Abitato fin dall’epoca preistorica e protostorica, il borgo si sviluppò in epoca etrusca ed in epoca romana. La cittadina vanta diversi monumenti tra cui la Torre del Cassero, il Loggiato, il Palazzo Comunale, il Palazzo Pretorio e numerose chiese costruite o restaurate in varie epoche, contenenti opere d’arte di rilievo.

Il Premio Agrifoglio a Roccapalumba perché si è distinta per la valorizzazione della ricchezza agroalimentare. Alla scoperta della città.
Roccapalumba è in provincia di Palermo. Ribattezzato ‘Paese delle Stelle’ è punto di riferimento per molti astrofili e scienziati di fama internazionale. Il paese è stato fondato nel XVII Secolo dalla principessa Maria Anzalone Orioles. Diversi i luoghi e le opere d’arte di particolare interesse: il Borgo, il Castellaccio, la Tila, una grande tela raffigurante la deposizione del Cristo morto, poi la statua lignea della Madonna delle Grazie e un Crocifisso di legno del sec. XVII. Infine il simulacro della Madonna della Luce, custodito nell’omonimo Santuario, che sorge presso la fenditura della Rocca.

Sa. Nel.

Comuni vincitori Premio Mete d’Italia

Premio Alloro-Castiglion Fiorentino
Premio Agrifoglio-Roccapalumba
Premio Glicine-Bagnacavallo
Premio Melograno-Bolano
Premio Orchidea-Monteriggioni
Premio Acacia-Norcia
Premio Timo-Botricello
Premio Girasole-Guardistallo
Premio Vite-Monforte San Giorgio
Premio Giacinto-Sacile