domenica , 23 settembre 2018
Home > Altri comuni > Servizi sanitari, spostamento alla Palazzina Bonifacio VIII
Servizi sanitari, spostamento alla Palazzina Bonifacio VIII

Servizi sanitari, spostamento alla Palazzina Bonifacio VIII

“A seguito della mia elezione a Consigliere Regionale del Lazio, mi sono spesa e attivata per velocizzare lo spostamento dei servizi sanitari presenti nella Città di Fiuggi dai locali che attualmente li ospitano alla Palazzina Medica Bonifacio VIII – ha affermato Sara Battisti, PD – Ho effettuato nel mese di aprile, insieme al dott. D’Ambrosio e di concerto con il Commissario Macchitella, un sopralluogo per verificare lo stato dei locali della Palazzina. La Asl di Frosinone ha provveduto al rifacimento di una parte del tetto della Palazzina, a seguito di un danneggiamento delle tegole. Dalla metà di maggio i lavori si sono conclusi, oggi possiamo predisporre lo spostamento dei servizi presenti nel nostro territorio. A seguito di un colloquio con la dott.ssa Tanzi, vista la strumentalizzazione costruita artatamente e in assenza di informazioni di tipo ufficiale da parte del candidato Sindaco Fabrizio Martini, posso comunicare alla città e agli utenti del territorio limitrofo che dalla prossima settimana la Guardia Medica di Fiuggi con i servizi ambulatoriali già in essere, l’UTR, il Cup e il Consultorio verranno organizzati all’interno della Palazzina Medica. Inoltre ho avuto modo durante il colloquio con la Dottoressa Tanzi di analizzare la possibilità di un nuovo assetto organizzativo del nostro distretto sanitario per rendere ancor più efficiente il servizio offerto. In quest’ottica abbiamo concordato la necessità di avviare questa riorganizzazione, condividendola con la prossima amministrazione comunale, qualunque essa sia, democraticamente eletta, a garanzia della città. Sono impegnata a contribuire e a migliorare i servizi per il nostro territorio, sulla base del mandato che i cittadini mi hanno dato, consiglio a Martini di impegnarsi nella stessa direzione senza raccontare bugie ai cittadini raccogliendo presunte informazioni in maniera del tutto discutibile e, come già accaduto, a danno di terzi”.