martedì , 19 febbraio 2019
Home > Cronaca > No al bullismo, presa di posizione degli alunni di Veroli
No al bullismo, presa di posizione degli alunni di Veroli

No al bullismo, presa di posizione degli alunni di Veroli

“No al Bullismo”: è stata questa la netta presa di posizione degli alunni della Sc. Sec. di I grado dell’Ist. Comprensivo Veroli 2, della dirigente scolastica prof.ssa Angela Avarello che, attraverso studi, dibattiti e riflessioni, si sono soffermati sul fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, dilagante tra i giovani e le cui vittime (aspetto molto preoccupante) appartengono ad una fascia d’età sempre più bassa.

Gli alunni, guidati dalla docente di IRC Paola Maria Mignardi, hanno aderito alla campagna nazionale che va sotto il Claim “Il nodo blu contro il Bullismo”, indossando una spilla con un fiocco blu e realizzando, all’interno della propria classe, delle particolari “cornici” con tanti nodi arricchiti da slogan e frasi in tema. L’iniziativa, svoltasi in occasione della “Giornata Nazionale contro il Bullismo 2019” rientra nel Progetto “Reti di amicizia” che l’Ist. Comprensivo Veroli 2 sta portando avanti quest’anno e che annovera, tra le sue finalità, quelle di rendere consapevoli i ragazzi dell’importanza del rispetto delle regole e di far acquisire loro una cultura della legalità e, soprattutto, di far loro interiorizzare l’importanza della dignità umana, promuovendo la solidarietà e rispettando le diversità.

Nei prossimi giorni verranno proposti ai ragazzi dei cortometraggi e video sul tema del bullismo, offerti da “Generazioni connesse”, un sito nato per promuovere un uso sicuro e responsabile di internet e dei mass-media.
Lunedì 11 Febbraio poi, gli alunni delle prime assisteranno alla lezione/spettacolo sul bullismo “Raymond” di e con Salvatore Calafiore in cui avverrà un confronto ed un’interazione con gli studenti/spettatori attraverso la tecnica dello psicodramma.

Inoltre, con la guida della psicologa dott.ssa Eleonora Daidone che offre il suo servizio ai ragazzi della scuola, ci saranno momenti di riflessione su temi riguardanti l’amicizia, il rispetto, l’inclusione. Insomma, tante le attività in programma che hanno fatto propria l’affermazione dello scrittore russo Isaac Asimov “La violenza è l’ultimo rifugio degli incapaci” e che vogliono lanciare un messaggio di speranza a tutti coloro che si trovano vessati o pensano di essere inferiori ad altri: “I bulli possono farci del male, ma non certo sconfiggerci!”

B. D.