lunedì , 15 ottobre 2018
Home > Anagni > Festival, Anagni sfida Veroli
Festival, Anagni sfida Veroli

Festival, Anagni sfida Veroli

Dal 3 al 5 agosto 2018 il centro storico di Anagni si trasformerà in un palcoscenico a cielo aperto per ospitare la terza edizione del Festival della cultura popolare del Centro Sud Italia. In questa occasione la Ciociaria sarà teatro di incontro tra artisti provenienti da diverse regioni del centro sud Italia. La manifestazione, patrocinata dal Comune di Anagni, dalla Pro Loco e dall’associazione Hernica Saxa, ospiterà concerti, danze, laboratori, teatro, stand enogastronomici, esposizioni e visite guidate. Concerti, spettacolo teatrale, laboratorio di danza, percorso enogastronomico con prodotti ciociari e mercatini dell’artigianato si snoderanno nelle vie e nelle piazze del centro storico di Anagni (FR). Inoltre e per tutta la durata del festival avranno luogo mostre, esposizioni e visite guidate per la città.

Venerdì 3 agosto una serata di tarantelle, serenate e antiche ballate con Giuliano Gabriele Trio in concerto, ospite Massimiliano Però. L’evento centrale del festival sarà il “Concerto alla Piazza”, sabato 4 agosto: sotto la direzione artistica e musicale di Giuliano Gabriele si esibirà un gruppo musicale appositamente costituitosi per il festival, al quale prendono parte 16 artisti di rilievo nazionale ed internazionale e provenienti dalle diverse regioni del centro sud Italia (tra cui Enza Pagliara e Pietro Balsamo), per presentare brani e danze della propria tradizione popolare. A conclusione, domenica 5 agosto spettacolo teatrale “Tamburo è voce – Battiti di un cantastorie”, storie dalla Calabria di e con Nando Brusco. La Ciociaria per il terzo anno consecutivo accoglie la passione per le arti popolari, per risvegliare la nostra identità profonda e il senso di appartenenza comune alle nostre terre del centro sud Italia. Quest’anno il tema cardine sarà “La Piazza”, poiché essa rappresenta il luogo di condivisione, accoglienza e apertura che il Festival vuole rappresentare. In questo contesto la musica popolare viene proposta nella sua nobile origine di connettore culturale, con l’intento di riavvicinare i suoni antichi al pubblico e alla sua terra.

Nel corso delle edizioni passate migliaia di persone hanno assistito alle performance di artisti nazionali ed internazionali quali Antonio Castrignanò, Canzoniere Grecanico Salentino, Baba Sissoko. Saranno inoltre presenti punti espositivi dedicati all’artigianato, mostre di pittura, scultura, fotografia ed una mostra della civiltà contadina. Saranno organizzati anche dei percorsi turistici e visite guidate nei principali luoghi d’interesse. Ingresso gratuito.

Redazione Anagni