sabato , 22 settembre 2018
Home > Politica > Diritto allo studio, nuova legge regionale
Diritto allo studio, nuova legge regionale

Diritto allo studio, nuova legge regionale

“La nuova legge regionale sul diritto allo studio che abbiamo approvato in consiglio regionale rappresenta una testimonianza reale dell’attenzione dell’amministrazione Zingaretti ai temi fondamentali della conoscenza – ha affermato il consigliere regionale Sara Battisti – Il testo redatto è stato preceduto da un profondo lavoro della commissione competente, con un confronto con le organizzazioni sindacali e le associazioni studentesche e dei dottorandi. Si tratta di una legge che è frutto di un lungo percorso di dialogo in cui hanno svolto un ruolo importante i Giovani Democratici del Lazio e le associazioni studentesche di Roma e del Lazio, che dal 2010 hanno lavorato alla stesura del testo. La nuova legge, oltre a sancire importanti principi fondamentali sui temi del diritto allo studio ed alla conoscenza, prevede nell’operatività quotidiana una struttura più snella e meno articolata di quella attuale: l’ente regionale per il diritto allo studio e la promozione della conoscenza, denominato “Di.s.Co”. Il nuovo ente sostituisce e riordina Laziodisu, nel rispetto dei principi di economicità, efficacia ed efficienza. Inoltre, favorisce la partecipazione studentesca, promuovendo forme e strumenti di partecipazione democratica che rendano effettivo questo diritto, tramite dibattiti e fornendo gli spazi necessari; amplia la platea che può usufruire dei servizi del diritto allo studio regionale ed investe risorse per l’applicazione di questi diritti tramite fondi da destinare alle borse di studio, alle mense, alle case dello studente ed introduce nuovi servizi innovativi come medicina preventiva e agevolazioni per la mobilità sostenibile e la genitorialità. Viene inoltre potenziato il raccordo tra università, formazione e inserimento lavorativo, con il sostegno sia alla mobilità nazionale che internazionale e l’orientamento al mondo del lavoro, promuovendo un modello di diritto allo studio inclusivo di tutto il percorso formativo, anche quello successivo alla laurea – ha concluso Battisti – La Regione Lazio si conferma all’avanguardia su tematiche fondamentali come quelle del diritto allo studio”.