martedì , 19 febbraio 2019
Home > Cronaca > Cogne, Annamaria Franzoni libera
Cogne, Annamaria Franzoni libera

Cogne, Annamaria Franzoni libera

Annamaria Franzoni è una donna libera. Condannata nel 2008 a 16 anni per l’omicidio del figlio Samuele di tre anni, a Cogne il 30 gennaio 2002, nelle scorse settimane, apprende l’ANSA, è stata informata dal Tribunale di sorveglianza di Bologna che la sua pena è espiata, con mesi di anticipo rispetto alle previsioni, potendo usufruire di molti giorni di liberazione anticipata per la buona condotta. Da giugno 2014 era in detenzione domiciliare a Ripoli Santa Cristina, sull’Appennino bolognese.

“Da un lato sono contenta, dall’altro vorrei trovare la maniera di far capire alla gente che non sono stata io”. Così Annamaria Franzoni avrebbe reagito, parlando con persone a lei vicine del caso che la riguarda, anche dopo la notifica della fine della pena. La donna ha sempre detto di essere innocente per l’omicidio del figlio Samuele e continua a dirlo, parlando con le persone che la circondano nella vita quotidiana.

“La notizia ci lascia assolutamente indifferenti, è l’ultimo dei nostri pensieri”. Questo il commento di Franco Allera, sindaco di Cogne, alla notizia della liberazione di Annamaria Franzoni. “La nostra comunità si è lasciata alle spalle questa vecchia storia”.

Franzoni, che si è sempre proclamata innocente, era stata condannata in via definitiva la sera del 21 maggio 2008, quando la Corte di Cassazione confermò la sentenza della Corte di appello di Torino. I 16 anni di pena sono stati ridotti a meno di 11 grazie a tre anni di indulto e ai giorni concessi di liberazione anticipata: è possibile ottenere fino a 45 giorni ogni semestre di detenzione, considerando anche quella domiciliare.

“Quando c’è un rapporto forte e affettuoso con la famiglia di origine, la persona si reinserisce. È questo che fa la differenza”, così don Giovanni Nicolini, sacerdote bolognese che accolse Annamaria Franzoni a lavorare in una cooperativa sociale quando fu ammessa al lavoro esterno dal carcere, commenta la notizia della fine della pena per la donna. “Ormai è un po’ che non la vedo, posso dire che siamo buoni amici, a distanza. Lei ha una vita di famiglia” e non va più a lavorare nel laboratorio di sartoria perché “adesso ha ricostruito interamente la sua vita”. ansa.it