giovedì , 15 novembre 2018
Home > Anagni > Cinema diverso, rassegna cinematografica in Ciociaria
Cinema diverso, rassegna cinematografica in Ciociaria

Cinema diverso, rassegna cinematografica in Ciociaria

“Torna il Cinema Diverso, la rassegna cinematografica di film premiati in tutto il mondo poco o per niente visti nelle sale e in televisione – hanno affermato gli organizzatori della manifestazione – Da giovedì 11 ottobre sino al 7 dicembre, presso la sala multimediale del Convitto Nazionale Regina Margherita di Anagni, ci sarà la programmazione organizzata dall’associazione culturale Atelier Lumiere e diretta dal regista Fernando Popoli. Un’occasione rivolta sopratutto agli studenti per conoscere un certo tipo di cinema, analizzarlo, verificarne i contenuti e addentrarsi nella difficile arte di questo importante mezzo di comunicazione. “La nostra finalità”, ha dichiarato il direttore artistico, “è quella di stimolare i giovani a una visione diversa del cinema che non sia basata solo sugli effetti speciali e le scene fantasmagoriche e reboanti. Vogliamo formare una loro coscienza critica che possa dargli un approccio costruttivo alla visione di un film. Vogliamo educare alla decodificazione delle immagini per una diversa fruizione dei contenuti”. Si racconteranno anche pillole di cinema, fatti, curiosità, esempi sul magico mondo della celluloide e sarà allestita in sala una mostra di pannelli illustrativi. L’Associazione ringrazia il Preside, prof. Fabio Magliocchetti per l’ospitalità e la prof. sa Domenica Cittadini per la gentile collaborazione. Alla rassegna parteciperà anche il prof. Ignazio Senatore, docente dell’Università Federico II di Napoli, psicologo e psicoterapeuta, critico e saggista cinematografico. Maurizio Lozzi, sociologo e giornalista, Giovanni Curtis, docente di cinema, Gerry Guida, critico cinematografico e saggista. Una bella occasione formativa per capire il cinema attraverso il cinema. Il progetto è finanziato con un contributo della Regione Lazio, assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili”.