venerdì , 20 luglio 2018
Home > Boville Ernica > Boville, la giunta investe sul turismo
Boville, la giunta investe sul turismo

Boville, la giunta investe sul turismo

Primo importante tassello, quello fissato dalla giunta comunale di Boville Ernica che si è riunita per la prima volta lunedì scorso approvando sei delibere. Fra le importanti novità un progetto per lo sviluppo della filiera turistica con l’adesione a un bando del GalVerla (Gruppo di azione locale versante Lazio del Parco nazionale di Abruzzo) di cui la città di Boville Ernica è socia, denominato “M.a.i.a. in rete”, e l’istituzione del registro delle disposizioni di trattamento sanitario che i cittadini saranno chiamati a dichiarare. Il progetto “M.a.i.a@inrete (musei, archivi, itinerari, archeologia in rete) prevede di sostenere la diffusione di tecnologie innovative per la valorizzazione, conservazione, recupero, fruizione e sostenibilità del patrimonio culturale, al fine di rendere la città un luogo attrattivo per gli operatori economici e del mondo della ricerca.

Il bando prevede la presentazione di proposte per la valorizzazione, conservazione, recupero, fruizione e sostenibilità dei beni artistici e culturali, con soluzioni innovative sotto il profilo tecnologico, finanziario e gestionale in grado di stimolare il rafforzamento delle reti di collaborazione tra le imprese della filiera culturale e gli organismi di ricerca per la diffusione della conoscenza, l’offerta di ricerca applicata e la realizzazione di prototipi mediante due fasi. E’ prevista una prima fase che si conclude con la concessione di una sovvenzione per gli oneri della progettazione (documentazione tecnica, amministrativa o di altra natura necessaria e sufficiente per procedere alla successiva realizzazione dell’intervento.

“L’adesione al bando – spiega il primo cittadino – rappresenta soltanto un primo tassello per la realizzazione del nostro obiettivo, ampiamente illustrato anche nel programma elettorale, che prevede il recupero e la valorizzazione dei beni artistici e culturali, soprattutto nel centro storico. La naturale conseguenza sarà la realizzazione di una filiera turistica. Intanto questa prima fase ci permetterà di avere i finanziamenti necessari alla realizzazione del progetto”. Nel progetto di adesione al bando per la richiesta di finanziamento sono state inserite le mura medievali e il complesso degli elementi monumentali e di interesse storico-artistico ed architettonico del centro storico di proprietà comunale, fra cui appunto anche alcune chiese. Fra gli altri provvedimenti approvati dall’esecutivo di Palazzo Simoncelli nella sua prima seduta anche uno schema di convenzione per un progetto di alternanza scuola-lavoro con un istituto di istruzione secondaria di Frosinone e il piano annuale e sistemico Biblioteche Valle del Sacco.